Posts contrassegnato dai tag ‘Skynet’

Tilt

Pubblicato: febbraio 21, 2014 in Uncategorized
Tag:, , , ,

Vengeance station

Vorrei un’applicazione che mandasse tutti affanculo ci facesse tornare con i piedi per terra.
Lo dico così, senza tanti preamboli o mezze misure; niente orpelli inutili per addolcire la pillola. Evidentemente il 31 dicembre 1999 chi predisse il Millennium Bug non l’aveva sparata poi così grossa, anzi. La previsione risultò corretta, solo non furono propriamente i computer ad andare in tilt; questi furono il tramite di un gigante black-out ma i veri referenti ad andare in tilt (parola che mi riporta alla mente serate passate con amici davanti ad un flipper) si rivelarono essere – con un po’ di ritardo – i nostri cervelli.

Potrà esserci stato un ritardo – un effetto a lento rilascio come una di quelle pillole che ti sparano a milioni sull’etere per materializzarsi all’improvviso sullo schermo della televisione – ma l’effetto è stato devastante. Nel giro di poco tempo iniziano a farsi strada i social, la Apple tira fuori dal cilindro l’iPhone (ahimè sarebbe arrivato nella mia tasca destra come regalo di laurea) ed un fiume di applicazioni inutili prendono il posto dei neuroni: un po’ alla stregua di quello Skynet che rivelò l’apocalisse al genere umano nella saga di Terminator. La differenza? In effetti soltanto una, al posto delle bombe atomiche l’arrivo di internet sui cellulari. L’effetto, magari meno corale, si è rivelato esattamente lo stesso.

Sono pochi si sopravvissuti all’epidemia, li riconosci esclusivamente passeggiando per strada. Quest’ultimo baluardo del genere umano ha la strana caratteristica di camminare guardando dritto davanti a sé, quando parla ti guarda dritto negli occhi. A volte risponde – non sempre coerentemente, ma nessuno è rimasto davvero illeso – perfino alle tue domande: a voce. Niente schiena curva e mani sullo smartphone, niente occhi iniettati di sangue  con Whatsapp inciso nelle pupille. Nemmeno autoscatti ogni tre passi come cinesi all’arrivo sulla Luna. Eccola a voi la resistenza. Non so dirvi onestamente per quanto durerà, la battaglia è spietata, ma di tanto in tanto si trova qualche sopravvissuto. In barba alle probabilità.

Se ne trovate uno vi chiedo questo: Guardatelo dritto negli occhi.
Vi riconoscerà.

Annunci